Suore dell' Immacolata di Santa Chiara  - Via San Luigi Gonzaga, 5 -   71013  San Giovanni Rotondo (FG) Tel.0882/454177
   

 

 

           

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                   
la congregazione, le fondatrici
 

 

Teresa, Cecilia e Antonia Faioli, Fondatrici delle
Suore dell'Immacolata di Santa Chiara.

 

Le Suore dell'Immacolata di Santa Chiara di Fiuggi costituiscono nella Chiesa una Congregazione dichiarata di diritto pontificio il 5 marzo 1957. È composta da un numero notevole di suore e svolge un'attività apostolica in Italia, nel Brasile e nelle Filippine. Il loro scopo tende all'insegnamento scolastico, alla istruzione catechistica e alla formazione cristiana della gioventù femminile, ai laboratori femminili, agli orfanotrofi, all'assistenza a gruppi impegnati negli esercizi spirituali e alle missioni cattoliche.
Nella storia della Congregazione si possono distinguere tre periodi: il periodo delle origini (1741-1778); il periodo della Congregazione di diritto diocesano dal 1778 al 1957; il periodo della Congregazione di diritto pontificio dal 1957 ai nostri tempi: 

Il primo periodo è legato in modo speciale alle tre sorelle Teresa, Cecilia, Antonia Faioli, nate ad Anticoli di Campagna (Fiuggi) rispettivamente 1'11 dicembre 1715, il 28 febbraio 1719 e il 10 giugno 1723, da Francesco, originario di Torre Caietani e da Marta Terrinoni di Anticoli. In seguito alla morte del padre avvenuta nel 1740 (la madre era morta nel 1727), le tre sorelle decisero di dedicarsi alla istruzione elementare delle ragazze e alla loro formazione cristiana mediante la scuola e per questo motivo misero a disposizione la casa paterna. L'arciprete di Fiuggi, Domenico Girolami, fu la loro guida saggia e pratica. La spinta prossima a questa benefica iniziativa fu data alle tre sorelle da una missione popolare predicata nel paese nel 1741 da Tommaso Struzieri, futuro discepolo di san Paolo della Croce, e dal sac. Gaetano Giannini di Aquino.
Mons. Giovanni Antonio Bacchettoni, vescovo di Anagni, che aveva seguito con interesse
l' iniziativa, emanava il 17 agosto 1747 il decreto di erezione canonica del Conservatorio, assegnava alle tre sorelle la chiesa di S. Domenico di Cocullo (S. Domenico di Sora) e otteneva da Benedetto XIV alcuni beni della diocesi, appartenenti all'ospedale di Anticoli, per il sostentamento delle maestre. L'abilità e la santità delle tre sorelle avevano richiamato alla loro scuola numerose fanciulle per cui fu necessario trasferirsi, la vigilia di Natale dello stesso anno, sempre con l'appoggio del vescovo, in un'altra abitazione più grande, che appartiene ancora alla Congregazione sotto il nome di "Casa Madre". Qui le Faioli passarono trentuno anni nell'insegnamento, nel silenzio e nella pratica della virtù. Alle tre sorelle si erano frattanto unite, fin dal principio, altre pie donne animate dallo stesso ideale e dallo stesso programma, prima fra le quali la giovanetta Rosa Girolami. Nei documenti del Settecento, sono chiamate frequentemente "Maestre pie" nome dato in quel tempo a gruppetti di pie donne che si dedicavano nei paesi dello Stato Pontificio all'insegnamento elementare delle ragazze, insegnamento molto trascurato dai comuni, ai quali ne incombeva il dovere.

 

Il secondo periodo comincia nel 1778 con la elezione a vescovo di Anagni di Cirillo Antonini, che dopo aver eretto canonicamente l'istituzione, ammise le prime dieci "maestre pie", alla vestizione religiosa, il 23 agosto 1781: fra queste vi erano le sorelle Cecilia e Antonia Faioli, mentre Teresa era morta nel 1779. Cinque anni dopo, nel 1786, lo stesso Antonini riceveva la professione religiosa dei voti semplici delle religiose e consegnava la regola di Santa Chiara adattata alla loro vita attiva. Così la Congregazione delle Suore di Santa Chiara di Anticoli era canonicamente eretta come Congregazione di diritto diocesano. Tutta la sua storia si è mossa e si è svolta dal 1778 al 1957, intorno ai vescovi di Anagni che le hanno dimostrato fiducia, stima, gratitudine e protezione. Non si può negare che la sua azione in questo periodo appare limitata, chiusa nell'ambito di un modesto paese di provincia. Tuttavia sotto i vescovi anagnini Attilio Adinolfi (1931¬1945) e Giovanni Battista Piasentini (1945, trasferito nel 1952 a Chioggia), la Congregazione ha avuto un notevole sviluppo con la fondazione di diverse case nell'Italia centrale e settentrionale.

La situazione della Congregazione cambia nel terzo periodo, quando il 5 marzo 1957 viene dichiarata di diritto pontificio. Oggi sotto la guida abile, dinamica, con ampie vedute, sempre prudenti e realistiche della superiora generale, la Congregazione ha avuto una grande espansione in Italia e all'estero.


Il 6 febbraio 1987 la Congregazione per le Cause dei Santi ha dato il 'nulla obsta' per l'inizio del processo di beatificazione delle serve di Dio Teresa, Cecilia e Antonia Faioli, fondatrici della Congregazione dell'Immacolata di Santa Chiara di Fiuggi. Questa autorizzazione è una testimonianza di stima e di gratitudine per quanto le suore hanno fatto e stanno facendo per la Chiesa di Dio. Il 24 gennaio 1988, è stato solennemente aperto a Fiuggi il mensionato processo di Teresa, Cecilia ed Antonia Faioli, proclamate Serve di Dio.
La fase diocesana del processo si è conclusa il 10 luglio 1990 nel corso di una solenne concelebrazione presieduta da Mons. Luigi Belloli, Vescovo di Anagni-Alatri. Gli atti sono ormai allo studio della Congregazione delle Cause dei Santi. Voglia Iddio che le risultanze delle ricerche e l'alacre lavoro di quanti sono stati e sono a ciò deputati possano consentire di giungere alla conclusione che è nei voti di tutti: la glorificazione delle Serve di Dio Teresa, Cecilia ed Antonia Faioli.

 

 

 

 

               Sito Ufficiale della Casa di Esercizi Spirituali "San Giuseppe" - San Giovanni Rotondo